Pubblicato il 23 Giugno 2022 Da In Primo piano Con 1166 Letture

C. V. 2021-22 Udienza di merito TAR Sicilia II Sezione.

Le Associazioni L.C.S. – Liberi Cacciatori Siciliani, A.N.CA Associazione Nazionale Cacciatori, ITALCACCIA Sicilia e Sicilia Nostra comunicano che in data odierna 22/6/2022 si è tenuta dinnanzi alla II Sezione del TAR Palermo l’udienza pubblica per la decisione nel merito del ricorso principale e di quello per motivi aggiunti presentanti dalle Associazioni ambientaliste nei confronti del Calendario venatorio 2021-2022 che si ricorda avevano per oggetto:

  • Apertura della stagione venatoria e preapertura della stessa ad alcune specie in relazione alla situazione di siccità e incendi in Sicilia;
  • Prelievo della Tortora selvatica;
  • Prelievo del coniglio selvatico sia in preapertura che in apertura generale;
  • Apertura generale al Coniglio selvatico, Colombaccio, Quaglia, Merlo, Gazza e Ghiandaia a far data dal 19-20 settembre anziché dal 2/10/2021;
  • Prelievo venatorio della Beccaccia dal 1 al 10 gennaio 2022 anziché in 3 giorni fissi;
  • Mobilità dei cacciatori in altri n. 4 A.T.C. per la caccia alla sola selvaggina migratoria;
  • Prelievo della Alzavola e la caccia agli uccelli acquatici nel mese di ottobre nel A.T.C. TP2.

La difesa delle ricorrenti ha insistito nell’esistenza di un interesse alla decisione di merito e quindi nell’accoglimento dei ricorsi.

L’Avv. Alfio Barbagallo legale delle Associazioni LCS – ANCA e ITALCACCIA, con il sostegno di SICILIA NOSTRA,  nel rilevare in via preliminare come nelle more del procedimento l’Amministrazione abbia emanato il nuovo Calendario Venatorio  2022-2023 facendo così venire meno per la maggior parte dei punti oggetto di censura l’interesse ad una decisione nel merito dei ricorsi, ha altresì evidenziato come il procedimento, nelle varie fasi e gradi di giudizio, abbia sostanzialmente comprovato la piena legittimità dei provvedimenti amministrativi impugnati.

Infatti, a parte il prelievo della tortora selvatica ed il periodo 19 settembre – 2 ottobre 2021, tre diversi Giudici Amministrativi in tempi e fasi diversi hanno ritenuto lo svolgimento della stagione venatoria 2021-2022 assolutamente legittimo nei modi e nei termini previsti dal calendario venatorio impugnato.

L’Avv. Barbagallo ha quindi chiesto che i ricorsi vengano dichiarati improcedibili per carenza di interesse e comunque respinti nel merito in quanto assolutamente infondati in fatto e in diritto.

Il TAR si è riservato di decidere con sentenza che si ritiene non verrà pubblicata in tempi brevissimi.

Vi terremo come sempre aggiornati sugli ulteriori sviluppi.

Palermo, 22/06/2022

error: Contenuto protetto